Come lavorare bene con il computer all’aperto

Come lavorare bene con il computer all’aperto

Ci sono studi scientifici europei e americani che dimostrano i benefici del giardinaggio, delle cura delle piante e della permanenza giornaliera in giardini ben curati e verdi o terrazzi con queste due caratteristiche.

Dalla Kansas State University arrivano studi e test importanti sul prendersi cura dei giardini e dei balconi, con le loro piante e gli arredi green. Mente e corpo si impegnano ma allo stesso tempo si rilassano allontanando stress e preoccupazioni, il cervello si riorganizza.

Lo stesso risultato lo riportano i docenti dell’università svedese Uppsala, tre ore alla settimana di giardinaggio o orto aumentano gli anni di vita e allontanano la senilità mentale e fisica.

Curare il proprio giardino è una frase di Voltaire che indica l’impegno a costruire per sé un angolo di benessere, creatività da mantenere e anche proteggere. Tutto questo si può unire al lavoro in modalità smart working ed ecco i consigli più importanti per lavorare bene con il computer all’aperto.

Tavolino e sedia comoda, anche rialzata con cuscini spessi

Prepariamo la nostra zona di lavoro in giardino o balcone organizzando il necessario. Partiamo da tavolino e sedie che devono essere comodi come la scrivania in ufficio o dentro casa. Vedremo dopo che è importante assumere una corretta posizione del corpo davanti al computer per non avere poi mal di schiena o rovinarla con gobbe o scogliosi. Un cuscino comodo sotto la sedia e anche dietro la schiena può essere sufficiente per allineare bene le braccia sul tavolino.

Per scrivere bene al computer all’aperto: la posizione corretta davanti alla tastiera del laptop

La foto che vedete, riassume le caratteristiche della posizione corretta davanti al computer. Come vedete, la schiena è dritta ma non rigida, i piedi leggermente rialzati e le ginocchia non piegate, lo sguardo punta dritto sullo schermo largo e non constringe a piegare collo e spalle che dopo un po’ sarebbero indolenzite. Questa foto di Wikipedia è possibile studiarla con altre immagini di confronto, qui abbiamo un computer desktop, con il portatile si dovrebbe scrivere come vedete nell’immagine. Se il tavolo è troppo basso potete acquistare dei rialzi studiati per i laptop, sono regolabili e posizionano bene la sua tastiera e monitor rispetto alle braccia e al viso.

Sul tavolino, poche cose ma essenziali: ecco cosa dovete portare fuori

Estetica e comodità, poche cose ma essenziali. Se volete trarre beneficio dal lavorare con il computer all’aperto, nel giardino di casa o terrazzo, curate i particolaro. Innanzitutto, spero che piante e arredi siano ben curati e ordinati, cosa che è importante anche per le stanze dove sono collocate le scrivanie o dove lavorate. Sul tavolino tenete sempre una piccola pianta che fa piacere osservarla mentre si lavora e allontana lo stress, per il computer consigliate le piante grasse.

Con poche cose ma essenziali ci riferiamo a: bloc-notes, post-it, penne o matite, evidenziatori e… importante, un reggicarte pensate per improvvise folate di vento che purtroppo, qualche volta, scombina appunti o i documenti su cui state lavorando.

Quando la luce da fastidio allo schermo e attenzione al caldo diretto sul computer

Uno dei problemi che si riscontra usando il computer all’aperto riguarda la luce troppo diretta sul monitor che lo rende illegibile. Se avete computer con monitor antiriflesso questo problema non si pone, altrimenti ci sono alcune tecniche da usare, sono le seguenti.

Innanzitutto, proteggete sempre il vostro computer, la sua batteria o caricatore, gli accessori usb dal sole diretto, il caldo eccessivo, l’acqua o umidità improvvisa causata da piogge anche leggere. Se avete un terrazzo vi piaceranno molto questi ombrelloni per balcone, studiati apposta per ambienti esterni stretti e piccoli rispetto a giardini e balconi. Il sito è questo: ombrellonidagiardino

  • Aumenta la luminosità dello schermo per rendere più nitidi i colori, purtroppo aumenterà il consumo della batteria. Considerate una prolunga per la presa elettrica.
  • Cerca di creare un riparo dalla luce per il monitor computer. Puoi improvvisarlo usando libri, fogli, cartoncini ripiegati. Sfrutta anche le mura per evitare un effetto del riflesso che migliori la visione del monitor.
  • Un ultimo consiglio, letto su diverse guide, indossate un vestito o una maglietta o scura o grigia anti riflesso solare.
  • Se il computer lo permette, invertite i colori per migliorare la nitidezza mentre scrivete.

Rimettete in ordine e rendete semplice la preparazione del lavoro con il computer all’aperto

Se lavorare con il computer all’aperto vi piace e rende più creativo e rilassato il lavoro ripetete questa esperienza. Per preparare al meglio le prossime giornate di lavoro ricordate di, rimettere sempre a posto il tavolo dove lavorate quando rientrate.

Se lo spazio lo permette, posizionate vicino al tavolo un piccolo mobiletto o armadio in plexiglass impermeabile dove conservare soltanto la cancelleria.

Potete anche preparate una piccola scatola portaoggetti per trasportare più facilemente le cose che vi servono insieme al computer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *