Cable management, come farlo al meglio per il proprio pc

Cable management, come farlo al meglio per il proprio pc

Nell’era della tecnologia, ormai è la normalità usare costantemente dispositivi mobili e pc per potersi divertire o più in generale intrattenersi. In particolar modo risulta essere sempre più di moda il costruirsi una postazione da gaming con il quale passare le proprie giornate all’insegna dei titoli del momento. Chiaramente quando si va a costruire la postazione è opportuno tener presente che bisognerà sistemare al meglio i cavi del proprio pc per evitare che questi possano creare ingombro oppure portare problemi di qualsiasi tipo. Per precauzione, inoltre, molti appassionati di videogiochi decidono di rendere il proprio pavimento resistente all’acqua, ricercando spesso impermeabilizzazioni Roma, in modo da prevenire infiltrazioni che a lungo andare possano danneggiare la stanza e cosa c’è all’interno, come nel caso dei fili del pc.

La gestione dei cavi risulta fondamentale per rendere il computer più ordinato e soprattutto performante, ottimizzando lo spazio all’interno del case. Di seguito una serie di suggerimenti da seguire se si vuole un perfetto cable management.

Scegli il giusto case

Primo passo importante per far si che il proprio cable management venga alla perfezione riguarda scegliere il giusto case. Online e nei negozi è possibile trovare tantissimi modelli e per qualsiasi tipo di tasca, ma in generale un buon case dovrebbe avere delle caratteristiche fondamentali: il corpi-psu, che permette di coprire i cavi dell’alimentatore; passa-cavi nella parte posterie con conseguente copertura in gomma. Sono due elementi essenziali che ci permettono di svolgere un cable management senza difficoltà, nascondendo la parte in eccesso che esteticamente può risultare fastidiosa da vedere.

Però bisogna aggiungere come al giorno d’oggi tutti i case sono programmati per avere un ottimo cable management e facilitare le sue operazioni.

Alimentatore modulare

Avere fili in giro è molto fastidioso e da un senso di caos. Specialmente se si tratta di cavi non necessari, ecco perché molti scelgono di utilizzare degli alimentatori modulari o semi-modulari. Parliamo di sistemi che permettono di rimuovere i cavi, scollegando quelli che non ci servono. È un’ottima soluzione per chiunque voglia gestire al meglio il cable management. È giusto fare solamente un piccolo appunto: a differenza dei modulari, quelli semi-modulari hanno non staccabili i cavi necessari e che servono obbligatoriamente all’utente.

Fascette in velcro

Per la gestione dei cavi è buona cosa utilizzare le fascette in velcro. Sono riutilizzabili e regolabili rispetto alla controparte classica. Sono molto utili per effettuare dei cambiamenti improvvisi e che richiedono più precisione, andando quindi a rendere il tutto molto più ordinato.

Suggerimento 3: Utilizzare delle fascette in velcro.

Insieme ad un alimentatore modulare ed un buon case, delle fascette in velcro potrebbero aiutare di molto la gestione dei cavi.

A differenza dei delle fascette tradizionali, queste sono riutilizzabili e regolabili, questa cosa ci permetterà di applicare dei cambiamenti se necessari e ci permetterà di fare un cable-management più pulito.

Posiziona bene le ventole

Importante quando si attua un buon cable management è ruotare e posizionare bene la ventola del computer, andandola a inserirla più vicina al collegamento del case. Ovviamente bisogna fare in modo di non ostruire la ventola, dissipatori e tutti questi sistemi che servono a mantenere la temperatura del pc ottimale. Non seguire questa linea guida può comportare moltissimi problemi, come effetti negativi delle temperature e della durata dei cavi, più soggetti a lacerazioni e consumo.

Le fascette solamente alla fine

Sarà un consiglio abbastanza scontato, ma risulta giusto ricordarlo: vi ricordate le fascette citate più sopra? Bene, queste andrebbero fissate solamente una volta che sono stati collegati tutti i cavi. Bisogna prima assicurarsi che tutto si trovi nella posizione giusta e che non ci sia bisogno di cambiare qualcosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *