Come monitorare i nei e preservare la salute della pelle

Come monitorare i nei e preservare la salute della pelle

I nei sono dei piccoli accumuli di pigmento sulla pelle. Solitamente sono innocui, non rappresentando alcun problema. Alcuni nei invece hanno il potenziale di trasformarsi in qualcosa di più pericoloso, come un tumore della pelle.

Monitorare i propri nei è quindi un processo fondamentale per prevenire problematiche anche piuttosto gravi. In questa guida andremo a fornire quelli che sono i passi più importanti da compiere per evitare problemi connessi ai nei.

Visite dermatologiche e mappature dei nei

La visita di un dermatologo è insostituibile. Potremo richiedere una Mappatura nei con Visita dermatologica, durante la quale vengono presi in esame tutti i nei dalla testa ai piedi. Per richiedere velocemente questo tipo di esame potremmo utilizzare il sito CupSolidale, una piattaforma di prenotazione online, che consente di vedere le disponibilità e i prezzi per esami diagnostici, visite specialistiche ed esami di laboratorio nella propria zona. Una volta trovata la visita al prezzo e nella data per noi migliore, potremo procedere con la prenotazione. Niente di più semplice!

Il metodo ABCDE

I dermatologi spesso menzionano la cosiddetta regola ABCDE, un metodo per ricordare le principali 5 verifiche da fare quando si vuole verificare lo stato dei propri nei.

Ogni lettera indica un particolare aspetto da valutare.

La lettera A sta per Asimmetria. La lettera B sta per Bordi. I bordi frastagliati e irregolari possono infatti destare qualche sospetto.

La lettera C sta per Colore, e ci ricorda il fatto che un neo dovrebbe avere una sola colorazione per tutta la sua superficie.

La D indica il Diametro. Di solito i nei con diametro superiore a 0,5 mm andrebbero tenuti sotto controllo. Anche un aumento delle sue dimensioni nel tempo può rappresentare un campanello d’allarme.

Infine, la lettera E, che sta per Evoluzione, rammenta come ogni cambiamento di dimensione, forma, colore o bordi deve immediatamente essere valutato da un medico.

Fattori di rischio

Esistono dei soggetti che più di altri dovrebbero prestare particolare attenzione ai propri nei. Parliamo, ad esempio, di chi ha una familiarità con il melanoma.

Anche chi ha un’elevata concentrazione di nei, chi ha una pelle molto chiara o ha sofferto di recente di scottature solari particolarmente severe dovrebbe effettuare delle visite regolari.

Proteggiti

L’eccessiva esposizione al sole, soprattutto nei momenti in cui i raggi ultravioletti arrivano in maniera più diretta, può essere un fattore scatenante nello sviluppo di problematiche legate ai nei.

Utilizza una protezione solare adeguata, non solo quando sei al mare, ma ogni qualvolta sai che devi trascorrere molto tempo all’aperto.

Su internet si possono trovare dei metodi “fai da te” per il trattamento o per la rimozione dei nei. Queste azioni possono rivelarsi estremamente pericolose, generando infezioni e cicatrici, e quindi assolutamente da evitare.